Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. 

Registro Eredità Immateriali

7
Saperi della Civiltà Mineraria
REI - Libro dei saperi
25-01-2006
Saperi
Agrigento
Sicilia centro meridionale
La scoperta dei giacimenti di zolfo nella provincia di Agrigento è databile al 1800, rendendo la zona tra le più importanti per la produzione del minerale. Conseguente a questo sviluppo economico è la trasformazione sociale e urbanistica di alcuni paesi dell'area che furono investiti da un processo di migrazione interna. Molti abbandonarono i loro paesi alla ricerca di condizioni di vita migliori, poiché la loro esistenza fu messa a dura prova dalle condizioni di lavoro nelle miniere. La crisi dell'industria solfifera del XX secolo provocò danni ingenti alla micro economia locale che sfociò in un processo inverso a quello a cui si era assistiti: il decremento progressivo della popolazione.
-
-
La storia della cultura mineraria della provincia di Agrigento è legata sia all'estrazione dello zolfo, ma anche del salgemma, minerali che diedero un grande impulso all'economia del luogo.
Completa il ciclo dello zolfo, dopo l'estrazione e la fusione affrontate nelle altre schede inerenti al sapere della civiltà mineraria, la collocazione del minerale sul mercato. Quest'ultima fase è determinante per il successo del ciclo e per l’eventuale sviluppo delle fasi successive.
Il trasporto del minerale dal giacimento alla ferrovia avveniva quasi esclusivamente a dorso del mulo o con i carretti quando lo stato delle strade lo consentiva. Lo sviluppo della rete ferroviaria sviluppò le comunicazioni nella media e lunga percorrenza. Il percorso ferroviario zolfare-stazione ferroviaria e quello tra la stazione ferroviaria e i luoghi di carico, i porti e gli attracchi.
Per quasi tutta la “stagione dello zolfo” la zona meridionale dell’isola rimaneva sprovvista di vere attrezzature portuali. I “caricatoi” corrispondevano a strutture portuali grossolane tra queste, in concomitanza con la fase di maggiore produzione dello zolfo, si colloca il porto di Porto Empedocle.
 
Confronta schede:

Addamo, Sebastiano. 1989. Zolfare di Sicilia. Palermo: Sellerio.

Renda, Francesco. 1987. La Sicilia degli anni '50: studi e testimonianze. Napoli: Guida.

Rebecchini, Giuseppe. 1991. Le vie dello zolfo in Sicilia. Roma: Officina.

Francesca Maria Riccobene
Agrigento. I giacimenti di zolfo del 8/01/1963. Video. Archivio Storico Istituto Luce. 
 
 
Agrigento Ieri e oggi [Ultima consultazione 26-04-2016]
 
Distretto turistico delle miniere [Ultima consultazione 26-04-2016]
 
I.R.S.A.P Agrigentum Associazione Culturale onlus [Ultima consultazione 26-04-2016]