Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. 

Registro Eredità Immateriali

158
Ballo della Cordella
REI - Libro delle espressioni
04-10-2012
Rappresentazione/Spettacolo
Palermo
Petralia Sottana
Danza del tripudio
Il Ballo della Cordella, a Petralia Sottana, che si potrebbe meglio chiamare la Danza del tripudio, è un inno di ringraziamento alla Natura e alla Provvidenza per il buono raccolto del grano. E’ un rito di propiziazione per la fertilità della terra di origine pagana (mito di Cerere) che è stato inserito successivamente nelle celebrazioni in onore della Madonna dell’Alto di Petralia Sottana a maggio.
Balli campestri e pantomime erano eseguiti come spontaneo bisogno della comunità per onorare le divinità dei boschi o per celebrare con riti propiziatori e di ringraziamento altre divinità nelle feste stagionali. Oggi la manifestazione si tiene la prima domenica successiva al 15 agosto.
Nell’antico rito, il ballo era preceduto da un corteo nuziale che si muoveva da Piazza Duomo aperto da una coppia di sposi novelli che, su un cavallo bianco, avanzava seguita da damigelle e parenti e veniva chiuso da 12 coppie di ballerini. Il ballo avveniva in un’aia dove erano stati disposti alcuni sacchi di frumento e numerosi covoni di spighe. Le coppie si disponevano a raggiera intorno ad una pertica alta 2 metri e decorata con nastri multicolori. Dopo la giaculatoria, il capogruppo, originariamente il padre della sposa, ordinava alle coppie di ballare.
Annuale
Maggio (Madonna dell’Alto); oggi la prima domenica dopo il 15 Agosto
Riti propiziatori per la fertilità della terra in occasione della Madonna dell’Alto
Propiziatoria
U Capurali o Bastoniere capogruppo, 12 coppie di ballerini che simboleggiano i mesi dell'anno
Comunità locale, turisti
Le dodici coppie di ballerini, simboleggianti i mesi dell'anno, ballano intorno ad una pertica (simbolo dell’albero) sormontata da spighe di grano e decorata dei nastri di vari colori, che vengono intrecciati a simboleggiare le stagioni o le costellazioni che ruotano attorno al sole, autore della fecondità agreste e della vita. La danza è omaggio augurale ai giovani sposi affinché la loro unione sia feconda di prole, benessere e gioia. Il Corteo Nuziale rievoca i tempi in cui era difficile percorrere i viottoli di campagna a cavallo e rappresenta la partenza della sposa dalla casa paterna per andare nella sua nuova dimora.
La sposa indossa un preziosissimo abito color grigio argento, con ricami e merletti del settecento ed è avvolta in un manto color bianco avorio. Porta in mano "conocchia e Rosario"', simboli della operosità e della fede coniugale. Lo sposo indossa un vestito di velluto con giubbotto azzurro, ed il caratteristico "berretto ricamato con fiocco di seta". Sull'aia dove è appena finito il raccolto dell'anno si svolge il Ballo della Cordella: ad un cenno del capo gruppo U Capurali o Bastoniere tutti i ballerini iniziano a ballare rievocando con la loro gestualità quattro figurazioni in onore del lavoro dei campi e del pane come la semina (li simenti), la germinazione (lu lavuri), il raccolto (lu munti), il pane. Attraverso le Cordelle (curdeddi) che partono dal fascio di spighe mature in cima alla pertica, per finire nelle mani dei ballerini, si suole simboleggiare il fremere, il fluire gagliardo della vita, indispensabile e gradita fonte di forza e benessere, di speranza e gioia, offerta dai Divini Voleri all'Umanità, ma che assillanti e sudate fatiche ad essa costa. Prima dell'inizio del Ballo, in tono di preghiera, tutti i ballerini e il più anziano del gruppo, il Pater Familias, recitano una preghiera di ringraziamento a Gesù e alla Madonna dell'Alto.
Li Puma, Santo. 2005. Il ballo della cordella: il magico collante delle proprie tradizioni, Geraci Siculo: Arianna.
 
Federico, Melania. 2007. Il ballo pantomima della cordella a Petralia Sottana, Palermo: La Zisa.
 
Federico, Melania. 2008. Il corteo nuziale e il ballo pantomima della Cordella: storia, cultura e tradizione a Petralia Sottana, Palermo: Regione Sicilia, Assessorato dei beni culturali, ambientali e della Pubblica istruzione, Dipartimento dei beni culturali, ambientali e dell'educazione permanente.
Il Ballo della cordella si collega ai Beni del Registro relativi al Ciclo del Grano e del Pane.
Chiara Dell'Utri
Tradizioni siciliane del 11/09/1953. Archivio Storico Istituto Luce. 
 
Sito Ufficiale del Raduno [ultima consultazione 28-04-2016]
 
Video del Ballo della Cordella [ultima consultazione 28-04-2016]
 
Video del Ballo della Cordella [ultima consultazione 28-04-2016]