Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. 

Registro Eredità Immateriali

20
Paesaggio di Pietra - Muretti a Secco
REI - Libro delle espressioni
25-01-2006
Espressione
Ragusa
Iblei

Macere (accumuli disordinati); Muri rricoti o acquintati, manniri, cuccumeddi (muri a due facce, mandrie, lunette - accumuli a sviluppo lineare); muragghi (muri, terrazzamenti, torri - accumuli strutturati)

La tecnica di costruzione in pietra a secco affonda le sue radici nella preistoria: le prime notizie di terrazzamenti in pietra, in area mediorientale, risalgono a circa 8000 anni fa.

Con la colonizzazione greca - fra il X e il V secolo a.C. - la tecnica di costruzione di muretti a secco, usati per delimitare e proteggere piccoli appezzamenti agricoli, si diffonde nel bacino del Mediterraneo. Nella Sicilia sud-orientale, una delle testimonianze più antiche di questa tecnica è data dalla fortificazione del Monte Finocchito, nel territorio di Noto (SR). Notizie della presenza dei muri a secco in Sicilia si trovano nel De re rustica di Varrone.

È probabile che manufatti costruiti con questa tecnica delimitassero gli agrumeti, sotto la dominazione araba, e all'XI – XII secolo risalgono i primi muretti utilizzati per ridurre le pendenze collinari, difendere il suolo dal dilavamento e rendere più agevole la coltivazione dei terreni.

Durante la dominazione spagnola, Pietro IV D’Aragona, acquisito il controllo della Sicilia, impone qui le norme già emanate in Catalogna fra il 1345 e il 1373, che prevedevano un'altezza dei muretti limitata a un metro e 20 centimetri (seis palmos) e ne vietavano la costruzione ove questi impedissero l'accesso al mare.

L'introduzione dell'enfiteusi, nel '600, implicando l'obbligo di recinzione delle terre assegnate, provoca una vasta campagna di spietramento delle campagne e di costruzione di muretti a secco che influirà pesantemente sul paesaggio siciliano.

Un ulteriore impulso al recupero di terreni incolti, con l'elevazione di manufatti realizzati in pietra a secco, si ha durante il ventennio fascista e, successivamente, in conseguenza della Riforma Agraria, varata dal Governo De Gasperi nel 1950.

Oggi, l'architettura in pietra a secco, che versa spesso in condizioni critiche conseguenti all’abbandono delle terre, al pascolo abusivo, agli incendi, al disinteresse delle amministrazioni locali, è oggetto di tutela in base al Codice Urbani, e molte sono le iniziative mirate al suo recupero.

-

Braccianti, contadini, murassiccari (artigiani specializzati)

Comunemente, si parla di “muratura a secco” con riferimento all'assemblaggio, in luoghi non coincidenti con il sito estrattivo, di materiali lapidei prelevati da una cava, senza uso di malte. Nel caso del bene in questione, l'assemblaggio e l'edificazione hanno luogo con materiali lapidei reperiti e raccolti in loco, anche con lo scopo di liberare il terreno da coltivare.

Oltre agli accumuli non ordinati, i manufatti realizzati includono muri, recinti, lunette, torri e terrazzamenti, rifugi, capanni, case e neviere, scale.

I locali adibiti a ricovero hanno, per lo più, pavimenti in terra battuta e possono contenere nicchie e mangiatoie. Sono di solito a pianta circolare, più raramente quadra, e sovrastati da architravi, da archi e da cupole o coperture di forma ogivale, conica, decadente o a gradoni.

Per la selezione e preparazione dei materiali lapidei e per la edificazione dei manufatti, vengono utilizzati attrezzi quali mazze, picconi (fesi), picconi a punta, cunei (cugni), biette (lanni), martelli (liffiaturi, martieddi a testa) lenze, dime etc. (Tiralongo, 2007)

A.A.V.V.. 2006. Il parco degli Iblei Edi. Ragusa: ARGO.

Abrami, G. 1990. Progettazione ambientale. Milano: Clup.

Ambrosi A., Degano E., Zaccaria C.A. a cura di. 1990. Architettura in pietra a secco, atti del primo seminario internazionale. Fasano (BR):Schena editore

Raynés, A., Sastre V., Arrom, I.. 2002 Libre de la pedra en sec. Conseil de Mallorca.

Balsamo F. a cura di. 1999. Descrizione dell’antica Noto e del suo territorio, Noto (SR): I.S.V.N.A.

Cassano F.. 2003. Il pensiero meridiano. Bari: Laterza.

Canyelles Alomar G., Ferrer García I., Rodriguez Gomila R.. 2002. La pedra en sec, vol. 2 Mallorca, Progetto MEDSTONE. Palermo: Officine Grafiche Riunite

Coste, P., Martel, P. 1986. Pierre sèche en Provence. Forcalquier (Mane): Éditions Les Alpes de Lumière,

Di Rosa, M., a cura di. 2002. Le pietre a secco, vol. 1 Pantelleria, Progetto MEDSTONE. Palermo: Officine Grafiche Riunite

Fianchino, C. 1988. Le pietre nell'architettura. Catania: Documenti I.D.A.U.

Giansiracusa, P., a cura di. 1984. L’altopiano ibleo. Noto (SR): 55° Distretto Scolastico

Giorgianni, M. 1978. La pietra vissuta, Palermo: Sellerio

Gisotti G.,2003. La cultura della pietra a secco, Geologia dell’ambiente, n.4. Roma: Società Italiana Geologia Ambientale

La Cecla F., 1993. Mente locale. Un'antropologia dell'abitare. Milano: Eleuthera.

La Cecla F., 2000. Perdersi. L'uomo senza ambiente. Bari: Laterza

Mormino A., 2005. Il paesaggio quale identità, da “I monumenti della natura”, a cura di G. Zanna. Palermo: Legambiente

Pappalardo M., 2002. Il terrazzamento antropico in Liguria. Roma: Bollettino della Società Geografica Italiana

Portoghesi P., Scarano R., 2003. L’architettura del Mediterraneo. Roma: Gangemi editore.

Prigogine, I., Stengers, I., 1981. La nuova alleanza, Torino: Giulio Einaudi.

Rohlfs G., 1963. Primitive costruzioni a cupola in Europa. Firenze: Leo S. Olschki editore.

Sereni E., 1962. Storia del paesaggio agrario italiano, Bari: Laterza,

Tiralongo P., 2007. Le mani e la pietra, pubblicazione Cofinanziata dall’Unione Europea nell’ambito del programma Leader Plus - PSL “Eloro”, Siracusa: Il modulo.

Tiralongo P., 2006. Pietra su Pietra: architettura in pietra a secco degli Iblei. Ragusa: Edi ARGO.

Masi Ribaudo