Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. 

Registro Eredità Immateriali

97
Pranzo delle Verginelle
REI - Libro delle celebrazioni
13-04-2007
Festa/Cerimonia
Catania
Motta Sant'Anastasia
I Vicineddi
l pranzo delle verginelle è lo storico pranzo che durante l'Ottocento i signori della città offrivano, nella settimana antecedente la festa di San Giuseppe, ai figli dei poveri contadini.
L'usanza di queste tavole imbandite di ogni bene e di prodotti tipici dell'epoca si estese anche al ceto medio, fino ad arrivare ai nostri giorni con l'usanza di invitare alcuni giovani del vicinato celebrando i cosiddetti "vicineddi".
Annuale
19 Marzo
Festeggiamenti in onore di San Giuseppe
Sociale e religiosa
Comunità locale
I poveri e gli anziani
Il pranzo delle Verginelle è una pratica tradizionale diffusa in diverse località della Sicilia in occasione della festività di San Giuseppe.
Nella cittadina di Motta Sant'Anastasia la tradizione dei "Virgineddi" è da molti praticata come ex-voto in onore del Santo fallegname.
La tradizione si è mantenuta inalterata e attualmente al "pranzo" prendono parte anche le persone anziane. Le tavolate vengono allestite alcuni giorni prima della festa, tanto da esser visitate dalla popolazione intera. Queste sono imbandite con ricche pietanze e prodotti tipici della terra come pasta con ceci o finocchietti selvatici, riso con le lenticchie, broccoli stufati, frittate di asparagi, prodotti della terra come finocchi e carciofi. Non possono mancare i dolci tra cui i ravioli e i cannoli con la ricotta, i dolci a base di mandorle e altre specialità tipiche del luogo, come le “Sfince di San Giuseppe”. Elemento caratteristico delle ricche tavole è il pane di San Giuseppe, preparato in molteplici tradizionali forme, caratterizzato da una doratura ottenuta dalla chiara d’uovo stesa sulla superficie e guarnito con papaverina.
Francesca Maria Riccobene
Associazione Casa Normanna [ultima consultazione 27-04-2016]
 
Rione Panzera [ultima consultazione 27-04-2016]
 
Mondo del gusto [ultima consultazione 27-04-2016]