Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. 

Registro Eredità Immateriali

159
Franco Liberto, in arte Ciccio: Artista delle Calzature
REI - Libro delle celebrazioni
04-10-2012
Tesoro umano vivente
Palermo
Cefalu'
Ciccio Liberto
Francesco Liberto nacque a Cefalù, dove attualmente risiede, il 19 febbraio del 1936. Attratto già da bambino dal lavoro dello zio, calzolaio, apprese subito le arti del mestiere affiancandolo nella sua bottega.
Negli anni '60 aprì un piccolo atelier all'interno del Club Mèditerranée (società operante nel settore dei servizi per il turismo). Nel 1965 realizzò il primo paio di scarpe da corsa automobilistica.
Per trent'anni ha realizzato le calzature per i piloti che hanno partecipato alla Targa Florio, per cinque è stato il fornitore ufficiale dei piloti della Ferrari.
-
Calzolaio
L'arte del calzolaio, imparata fin da piccolo, e la passione per l'automobilismo, hanno segnato la fortuna di Francesco Liberto, detto Ciccio. Il suo nome è legato alla ditta di calzature da lui fondata negli anni '60, oggi nota in tutto il mondo per le scarpe da corsa realizzate a mano, su misura, in pelle, che hanno calzato i piedi dei più noti piloti automobilistici quali Mario Andretti, Niki Lauda, Nino Vaccarella, Gerald Larousse. Appassionato di corse automobilistiche, incontrò Ignazio Giunti (1941-1971. Pilota di Formula 1) nel 1965, ebbe così occasione di conoscere il pilota e illustrare le sue abilità. Ignazio Giunta gli commissionò il primo paio di scarpe per la competizione automobilistica. Le calzature dovevano essere morbide, comode, con la suola sottile per consentire una perfetta sensibilità al pilota durante la corsa. Ciccio mise a servizio di tale scopo le sua abilità di artigiano della calzatura e da allora la sua produzione divenne inconfondibilmente legata al settore dell'automobilismo agonistico, prima servendo i piloti della Targa Florio, poi quelli della Ferrari. Ancora oggi basta inviare l'impronta del proprio piede e Ciccio si mette al lavoro per realizzare calzature su misura. Le richieste arrivano da tutto il mondo. Grazie alla decennale collaborazione con Franco e Alessandro Cheli, artisti e docente (Franco) presso l'Accademia di Brera, i modelli oggi commissionabili, possono essere anche decorati a mano su richiesta.
Nel corso della sua attività ha realizzato anche calzature femminili collaborando con note case di moda quali Emilio Pucci e Sorelle Fontana. Le realizzazioni con cui, invece, ha iniziato la sua attività distinguendosi del panorama artigianale siciliano, sono i cosiddetti Muccatuuri, stivali in stoffa ispirati ai fazzoletti che indossavano i carrettieri siciliani.
2006. Enciclopedia della Sicilia. A cura di Caterina Napoleone. Parma: Ricci.
Le sue creazioni sono esposte in diversi musei legati al mondo dell'automobilismo da corsa tra i quali il Museo Ferrari di Maranello o al settore della lavorazione dei pellami, quali la sezione dedicata alle calzature "Shoe Museum" presso il Deutsches Ledermuseum in Germania.
Ciccio ha ottenuto il premio Eccellenze d'Italia assegnato dal Gruppo Poligrafico e Zecca dello Stato in occasione del 150° anniversario dell'Unità d'Italia.
Mariangela Riggio
Sito ufficiale [ultima consultazione 28-04-2016]
 
Targa Florio [ultima consultazione 28-04-2016]