Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. 

Registro Eredità Immateriali

184
Festa del "Muzzuni"
REIS - Libro delle Celebrazioni, delle Feste e delle Pratiche Rituali
03-04-2014
Festa/Cerimonia
Messina
Alcara li Fusi
U Muzzuni
La festa ha origine dall’antico culto di Demetra e Adone e delle divinità della terra e ne conserva gli antichi riti propiziatori e di fecondità. Nel calendario delle feste romane i due solistizi corrispondevano a due celebrazioni. Il Solstizio d’estate, Fors Fortuns, fu sostituito nel calendario cristiano dalla Festa di San Giovanni. Un tempo il corredo della sposa del contadino (u’ntrizzu) aveva un grande valore di fondo da cui attingere in caso di cattivo raccolto o di annata poco redditizia. A quest’antica credenza si ricollega il rito del muzzuni.
Annuale
24 Giugno
Festeggiamenti in onore di San Giovanni Battista
Commemorativo/devozionale
Una donna per ciascun Muzzuni, sacerdotesse
Comunità locale, turisti
In occasione della natività di S. Giovanni Battista nell’antico borgo di Alcara Li Fusi si organizza una processione che esibisce lungo le strade del paese le effigi del Santo nella duplice forma di simulacro e di capo mozzato. I festeggiamenti proseguono con una connotazione pagana. Le donne di ogni quartiere compongono segretamente nelle loro case il Muzzuni, una brocca cilindrica dal collo mozzato (a memoria del martirio del santo) avvolta da un muccaturi di seta, il fazzoletto contadino cui sono appesi i gioielli più pregiati scelti dal corredo delle donne del quartiere. Una giovane donna conduce all’esterno della casa il Muzzuni e lo ripone al centro di un tavolo accuratamente adornato con tessuti pregiati. Dal Muzzuni fuoriescono germogli o steli di spighe a simboleggiare fertilità e abbondanza nel raccolto. I tavoli sono posti sotto la veglia di sacerdotesse, giovani donne in tunica chiara, che rivestono un ruolo importante nella coreografia. La sera i Muzzuni si animano, la folla visita i tavoli, si intonano canti a tema amoroso o contadino e si propongono balli folkloristici. Il clima gioviale che caratterizza la festa prosegue sino a notte fonda; i giovani si lanciano fiori a vicenda annunziando nuovi amori, si sciolgono inimicizie e si legano comparati, solenni promesse di amicizia.
Croce, Marcella. 2004.Le stagioni del sacro: almanacco delle feste popolari siciliane. Palermo: Flaccovio.
 
 
FIDIPA. 2005. Appunti di viaggio: folklore, storia e religiosità in Sicilia. Siracusa: Emanuele Romeo Editore.
 
 
La Paglia, Roberto. 2006. Le superstizioni. Dalla A alla Z, dal Piemonte alla Sicilia. Roma: Hermes.
Festa del Muzzuni- Regione Siciliana Turismo [ultima consultazione 28-04-2016]
Il termine Muzzuni fa probabilmente riferimento a una brocca priva di collo (mozzata) o, verosimilmente, al grano falciato e raccolto in fascioni detti localmente “mazzuna”.  Un ulteriore collegamento si può rintracciare nel culto cristiano dedicato a San Giovanni, martirizzato con la decapitazione.
 
Canti popolari animano la festa, un ricco patrimonio di chjanote, ruggere e laudate. Questi canti traggono probabilmente origine da una rielaborazione popolari dei canti medievali.
Ester Oddo
Comune di Alcara Li Fusi [ultima consultazione 28-04-2016]
 
Cultura Siciliana [ultima consultazione 28-04-2016]