Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. 

Registro Eredità Immateriali

200
Coltello Bisacquinese
REIS - Libro dei Mestieri, dei Saperi e delle Tecniche
16-10-2014
Tecnica artigiana
Palermo
Bisacquino
La storia della lavorazione del coltello a Bisacquino ha radici antiche. La presenza di botteghe di “cutiddari” (fabbricanti di coltelli) caratterizzava l’economia del paese. Sino agli anni ’60 del 900 si racconta che vi fossero più di 50 officine di fabbri, lentamente scomparse nel tempo.
-
Rispetto al resto della produzione siciliana, la lavorazione dei coltelli a Bisacquino avveniva secondo una tecnica caratteristica.
I manici dei coltelli venivano realizzati adoperando corna di ovini e bovini di ogni colore e misura, secondo una particolare tecnica di lavorazione. La materia prima veniva fornita dai macellai, principali destinatari della produzione. Il processo di lavorazione, denominato in gergo locale abbruscari, prevedeva un surriscaldamento non eccessivo del materiale per facilitarne la modellazione e al contempo evitarne il rischio di rottura nelle fasi che si susseguivano. Il corno veniva tagliato adoperando la sega e sottoposto al calore veniva modellato dalle sapienti mani degli artigiani locali. Piccoli colpi decisi ne determinavano la forma e con l’ausilio della morsa si completa la lavorazione. Con un trapano a mano, fatto da un arco di legno, una cordicella, un rocchetto di filo antico e un punteruolo, si procedeva alla foratura per bloccare la lama. Il procedimento richiedeva all’incirca 3 ore di tempo.
I fabbri bisacquinesi si specializzarono in questo e divennero delle abili maestranze, tanto che Bisacquino ha rappresentato uno dei centri di produzione più prestigiosi della Sicilia.
Oggi presso il Museo Civico si conserva memoria dell’antica tecnica e dei manufatti, il ricordo di un’attività che ha caratterizzato l’economia del paese nel passato.
Turrisi, Alessandra. Coltelli in manico di corno: l’ultimo artigiano si racconta in Giornale di Sicilia, 8 gennaio.
 
Salvaggio, Totuccio. 2007. Bisacquino. Frammenti di Memorie. Palermo: Pezzino.
Ester Oddo
Coltelli con il manico in corno di capra 1 - video - Archivio Arca dei Suoni
Coltelli con il manico in corno di capra 2 - video - Archivio Arca dei Suoni
 
Bisacquino nel mondo [ultima consultazione 28-04-2016]
 
Lavorazione dei coltelli bisacquinesi [ultima consultazione 28-04-2016]