Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. 

Registro Eredità Immateriali

106
Festa del Battimento
REI - Libro delle celebrazioni
28-04-2008
Festa/Cerimonia
Enna
Contrada Ciappino
Aidone
U Batte'ment oppure U batt’mìnt’
La tradizione risaliva al XVII secolo, la festa si celebrava ogni dieci anni e se ne ha testimonianza fino al 1890.
Decennale, fino al 1890. Dal 2005, ripristinata con ricorrenza annuale.
8 e 9 Agosto
Festa di San Lorenzo, patrono di Aidone
Storica, commemorativa.
Figuranti nelle vesti di cavalieri cristiani e saraceni
Comunità locale, turisti
U batt’mìnt’ (il battimento) è uno spettacolo folklorico in costumi d’epoca, che si rappresenta ad Aidone per la festa grande, nel mese di agosto, in onore della Madonna delle Grazie e di San Lorenzo, patrono di Aidone, consistente in una simulata battaglia tra cristiani e saraceni. Nei giorni immediatamente precedenti la festa di San Lorenzo (8 e 9 agosto) si tiene la rievocazione storica di un episodio risalente all'epoca della conquista normanna. Il torneo in costume rievoca un combattimento tra cavalieri cristiani e saraceni, al quale avrebbero partecipato due contingenti lombardi dell'esercito di Ruggero d'Altavilla. La battaglia si sarebbe svolta presso il cosiddetto "Passo dei Giudei" (l'attuale contrada Ciappino), sulla strada che conduce a Piazza Armerina, a circa due chilometri dal paese.
Nel torneo storico in costume, denominato “il Battimento”, un drappello di cavalieri cristiani, partito dalla città, e un drappello di cavalieri saraceni, proveniente dalla parte opposta, si scontrano in due separati assalti. Dopo il primo assalto, dall'esito incerto, i cavalieri cristiani si ritirano nelle tende a pregare e digiunare, mentre i saraceni gozzovigliano; nel secondo assalto i saraceni vengono nettamente sconfitti e presi prigionieri. Il tutto si conclude con una pacificazione generale per cui cristiani e saraceni muovono insieme in un unico corteo alla volta di Aidone, per prendere parte alla processione della Madonna delle Grazie.
Malfa, Vittorio. 1995. Le tradizioni popolari di Raddusa. Note folcloristiche su Aidone e Valguarnera. Enna: Il lunario.
 
Pitré, Giuseppe. 1979. Feste patronali in Sicilia. Palermo: Arnaldo Forni Editore.
Paola Barbata
Sito del Comune di Aidone [ultima consultazione 27-04-2016]
 
Portale turistico Città di Aidone [ultima consultazione 27-04-2016]