Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. 

Registro Eredità Immateriali

267
A festa i Maggiu / San Sebastiano da Melilli.a
REIS - Libro delle Celebrazioni, delle Feste e delle Pratiche Rituali
09-06-2021
Celebrazioni, Feste e Pratiche Rituali
Siracusa
contrada o localizzazione non coincidente con comune
Melilli

a " Festa Patronale di San Sebastiano  chiamata a " Festa i maggiu".

annuale
03-04 Maggio
Tradizioni popolari Siciliane
Devozionale/Patronale

La Festa del patrono San Sebastiano, martire di Mellilli ( SR). Si svolge tra il 3 e il 4 maggio si recano il pellegrinaggio a piedi, da Carlentini, Lentini e altri comuni, sino a Melilli. La storia ci tramanda che alla fine dell'aprile del 1414 una nave, proveniente dall'Adriatico, naufragò  sull'isola Magnisi. Non ci furono vittime e i naufraghi attribuirono questo eccezionale accadimento alla statua di San Sebastiano, contenuta in una cassa trasportata nella nave, che si preoccuparono subito di raccogliere, non riuscendo però a sollevarla. La notizia dell'evento giunse presto al vescovo di Siracusa che, con il popolo in processione, si recò subito sul posto al fine di portare la statua presso la sede arcivescovile. La fama di questo  miracoloso fatto giunse anche a Melilli  il cui popolo, spinto da fede e da curiosità, si recò nel luogo in cui via era la statua il 1°  maggio 1414. La leggenda tramanda che nel momento in cui si decideva presso quale dei paesi del siracusano la statua dovesse esser collocata, improvvisamente e miracolosamente il simulacro divenne pesante per tutti coloro che cercavano di sollevarlo tranne che per gli abitanti di Melilli i quali trasportarono il simulacro di San Sebastiano in processione fino al paese, tra canti di gioia e inni religiosi. I festeggiamenti hanno inizio la sera del 3 maggio con la processione del reliquiario in argento:  un braccio che tiene in mano una freccia. La notte fra il 3 e 4 maggio, la piazza e il corso principale restano illuminati a giorno per accogliere il pellegrini che arrivano a piedi dai paesi vicini e che  aspettano con trepidazione ed ansia l'apertura della chiesa, per manifestare il loro ringraziamento a San Sebastiano. Alle ore quattro in punto del 4 maggio, tra scampanio di campane e sparo di mortaretti viene aperta la Chiesa, nella quale si riversano i fedeli che gradano: semu vinuti tantu luntanu. Primu diu e e Sam Mastianu.  Verso le ore sei, correndo, arrivano dalla santa croce (località in cui si trova un'edicola votiva del Santo ) i nuri  di Melilli, uomini, donne e bambini vestiti di bianco con fazzoletto in festa,  fascia rossa a tracolla e sui fianchi, un mazzo di fiori in mano, successivamente arrivano i nuri di Sortino Solarino. Alle ore dieci si assiste alla trionfale uscita del fercolo, che viene portato in processione per le vie del centro storico. I festeggiamenti si concludono l'11 maggio, quando il simulacro di San Sebastiano, dopo aver percorso le vie della nuova zona di espansione, viene conservato nella basilica al grido primu  diu  e  sam  MastianuLa Festa di Maju è anche per molti melillesi emigrati l'occasione di un ritorno alla loro terra natia. Il Santo Patrono è solennemente celebrato il 20 gennaio,  giorno del suo "dies natalis", quando, alle ore sei, si può assistere alle solenne svelata della statua taumaturgica, posta sull'altare  maggiore. Il Santo rimane esposto alla venerazione dei fedeli per l'intero ottavario, per essere conservato, poi nella sua nicchia fino al 4 maggio. 

1) Accademia di Scienze Lettere e belle Arti -Degli Zelanti e dei Dafnici- Acireale- Marco Navona - La figura di S. Sebastiano nelle fonti storiche e nella tradizione liturgica - Acireale 1992. 2a) Amore, A.- Catacumbas, cimitero in, in Enciclopedia Cattolica, Città del Vaticano s.d. vol. III coll. 1058 1061. 2b)  Amico, Vito - Dizionario topografico della Sicilia vol. I  II Ristampa anastatica del 1856 - Arnaldo Forni Editore. 3a) Bazzano, A. - I Cristiani nell'impero romano precostantiniano - Piccola Biblioteca di Scienze religiose 12, Milano 1990 3b) Bernabò, Brea Luigi - Il crepuscolo del re Hyblon, in > Rivista di studi antichi, fasc. CXX, maggio - giugno 1968. 4a)Cappelli, A. - Cronologia e cronografia e calendario perpetuo- Milano 1969. 4b) Crescimanno, Dr. Sebastiano - Le feste di S. Sebastiano a Melilli - Schizzi e Rilievi - Premiata tip. del Tamburo 1899 - Siracusa. 5) Coop. Onitros - Melilli e le sue Chiese, la loro storia - Comune di Melilli - Azienda Prov.le Turismo. 6) De Rosa, Gabriele - Storia Vol. I Tempi, Spazi, Società - Minerva Italia 1992. 7) Dufour, Liliane - Dopo il terremoto del 1693: la ricostruzione della Val di Noto - trad. Isabella Labriola in >, Annali - G. Einaudi Editore 1985. 8)  Dufour, Liliane - Barbera, Gioacchino - Il Santuario di San Sebastiano di Melilli - ARTE E DEVOZIONE -Arnaldo Lombardi Editore - Palermo 1993. 9) Ferrara, Francesco - Sopra il miele Ibleo e l'antica città di Ibla - Megara Reale Stamperia - Palermo 1805.10)  Fiorilla, Salvatore - Annino, Vincenzo - Brevi cenni sulla vita del Bimartire San Sebastiano e sul Santuario di Melilli - III edizione Marchese- Siracusa 1971. 11) CAMBRIDGE, UNIVERSITY -Storia del mondo medievale - Vol. V - II Trionfo del Papato e lo sviluppo Comunale - Press- Garzanti. 12) Giardina, A.- Sabatucci, G. Vidotto, V. Profili storici dal 1350 al 1650 - Editore Laterza 1997 - 1998. 13) Gordini, G.D. - Sebastiano di Roma, in Biblioteca Sanctorum, Roma 1968, vol. XI, coll. 776 - 789. 14)  La Duca, Rosario - Almanacco Popolare Siciliano Perpetuo - S.F. FLACCOVIO - Editore - Palermo  1987. 15)  Lombardo, Luigi - La Provincia di Siracusa e le sue tradizioni Popolari - I Miti, le leggende, le feste - La Gastronomia nel ciclo dell'anno - Editrice Zangara - Stampa 1996 Siracusa. 16)  Minocchi, S. - Il martirio di San Sebastiano - >- Vol. 154 (1911).  17) Mollica, Andrea - > > in - Prospettive - Siracusa - Dicembre 1991. 18) Mollica, Andrea - su >, >> Il terremoto del 1693 a Melilli>>. 19)  Mombritius, Sanctuarium - Milano s.d., Vol. II. 20) Nicolosi, Salvatore - Apocalisse in Sicilia: il terremoto del 1693 - Triangali Editore 1983. 21) Pitrè, G. - Feste patronali in Sicilia, Rist. Palermo 1978. 22)  Privitera, Nino - Burgaretta, Sebastiano - San Sebastiano a Melilli - Libreria Editrice Urso - AVOLA1982 c.n.n.  23) Rizzo, G.B.- Ritorno a Itaca - Ediprint 1988.  24) Rizzo, Michele - Melilli: Storia di un paese senza storia - Arnaldo Lombardi Editore 1990.  25) Rizzo Michele - Le Chiese di Melilli - Arte, Culto e Tradizione - Arnaldo Lombardi E ditore Palermo 1997.  26) Scuola Media Statale > - Melilli Ricordi, Valori e Speranze del mio Paese - Arti Grafiche Motta - Avola 1992.  27) Valentini, R. - Zucchetti, G. - Codice Topografico della città Roma Roma 1940 Vol. I. 28)  Vita di San Sebastiano Martire - Cenni storici sul culto- Preghiere ISTRUZIONI per coloro che domandano grazie e fanno voti- Siracusa 1925 Stabilimento Tipografico Cav. S. Santoro.  

Calamea Patrizia

CD contenente fotografie