Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. 

Registro Eredità Immateriali

111
Pane Votivo di San Giuseppe
REI - Libro delle celebrazioni
28-04-2008
Pane votivo
Palermo
Chiusa Sclafani
U pani ri San Giuseppi
La data della festa è incerta in quanto, nel 1972 fu distrutto l'archivio che conservava il patrimonio librario e parte dei registri dei verbali del comitato festivo. In ogni caso sembra che l'inizio sia legato, con molta probabilità, alla comparsa della festività nel calendario liturgico universale romano risalente agli inizi del 1600
Annuale
19 Marzo
Celebrazione festa di San Giuseppe
Celebrativa
Le donne del paese che hanno contratto il voto
Comunità locale
Gli Altari sono allestiti presso i locali dell’ex Monastero benedettino Badia a Chiusa Sclafani e nelle case di moltissime famiglie.
Uno dei compiti più impegnativi e difficili della preparazione degli altari, consiste nella realizzazione dei pani votivi, un lavoro svolto quasi esclusivamente dalle donne. Gli ingredienti sono: farina di grano duro, sale quanto basta, acqua, lievito di casa, seme di cimino e rosso d'uovo sbattuto. La pasta deve contenere poca acqua e deve essere dura per favorire la modellazione dei pani. Caratteristica del pane votivo è l’essere impastato unitamente con il sesamo; con esso si modellano, in maniera artistica, forme di cavallucci, uccelli, piatti colmi di frutta, oggetti sacri, cucciddati.
È usuale a Chiusa Sclafani convocare nei panifici dei quartieri le donne più abili, che fanno uso anche dell’acqua con cui si inumidiscono le dita e attraverso la quale incollano ai pani le piccole forme di decorazione, ottenendo come risultato delle vere e proprie opere d’arte.  Prima di essere infornato, il pane viene pennellato con la chiara d’uovo e tolto dal forno solo quando ha raggiunto un colore dorato. I pani che presentano delle difficoltà artistiche, per evitare che si rompano come il nome di Maria, Varva e vastuni di San Giuseppi, a Sfera etc., vengono sistemati ed infornati all'interno di teglie, mentre tutti gli altri direttamente nel forno.
Il pane costituisce la centralità della festa: come sostanza vitale, simbolo di luce e di vita terrena. Il giorno dopo, ai vicini di casa, agli amici ed ai parenti, vengono regalati i pani benedetti. Il pane più artistico, travaggliato ( lavorato), il "bastone" di San Giuseppe, il "cuore" ed il "nome" di Maria, etc., vengono regalati alle persone più intime. Non è ammesso nessuno spreco.

 

 

Legato al mito di Cerere, l’altare votivo con il pane si ripete ogni anno in occasione del ritorno della dea sulla terra per sei mesi. Tale risveglio della natura fu chiamato “Primavera” e, con l’avvento del Cristianesimo, l’altare votivo fu dedicato a San Giuseppe. Per l’occasione, alcune famiglie, o per voto o per grazia ricevuta, preparano il pane per offrirlo ai poveri. La dedica dell’altare andò su San Giuseppe il cui bastone fu l’unico a “fiorire”, segno di purezza fra i pretendenti di Maria, evento che lo prescelse quale sposo della madre di Gesù e custode della Sacra Famiglia.
Laura Mattaliano
Sicilia in festa [ultima consultazione 27-04-2016]
 
Altari di San Giuseppe [ultima consultazione 27-04-2016]