Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. 

Registro Eredità Immateriali

95
Mastro di Campo
REI - Libro delle celebrazioni
13-04-2007
Festa/Cerimonia
Palermo
Mezzojuso
Mastru ri Casa
L'origine della festa si attesta tra il XIV e il XV sec.
Annuale
Ultima domenica di Carnevale
Carnevale in Sicilia
Tradizionale
Mastro di Campo, Corteo Reale: Re, Regina, Dignitari, Dame, Segretario, Artificiere, guardie, Mori. Corteo del Mastro di Campo: Tammurinaru, l’Ambasciatore, Garibaldi con i Garibaldini, il Capitano d’Artiglieria, il Barone e la Baronessa, Camperi, Suprastanti, Vurdunaru, Curatulu, Sfacinnatu, Giardiniere, Cavalleria.
Comunità locale, turisti
Rappresentazione della rivalità tra il Mastro di Campo e il Re nella conquista del cuore della Regina, a Mezzojuso è la rievocazione dell'assalto che il Conte di Modica fece al Castello per conquistare la regina Bianca di Navarra. L'inizio è segnato dall'arrivo del corteo reale che sale su un palco che funge da castello, dando inizio ad una festa danzante. Nel frattempo emergono le maschere legate alla tradizione. La danza è interrotta dall'arrivo del Mastro di Campo che è seguito dall'ingegnere (che misura il terreno dello scontro), da Garibaldi e i garibaldini, dai briganti, dal mago e da altre comparse. L’eroe indossa una maschera di cera rossa con il naso adunco ed il labbro inferiore prominente, una camicia bianca piena di nastri colorati, pantaloni e mantello rosso. Giunto al centro della piazza, il Mastro di Campo stila il cartello di sfida al Re che accetta. Per tutta la piazza è una baraonda di suoni, spari, rumori. Dopo una serie di contorcimenti dei vari personaggi e partecipazione attiva del popolo che partecipa al generoso spuntino tipico del corteo, il Mastro di Campo dà l'assalto al castello ma viene ferito dal Re: creduto morto, viene trasportato via dai suoi uomini. Termina il primo atto. Nel secondo, Il Mastro di Campo, guarito dalle ferite, si riporta in piazza con il suo esercito dando così inizio ad un’altra lotta. Gli interventi dei vari personaggi sono identici a quelli del primo tempo. Ad un certo punto, sul castello, aumentano i segni di nervosismo. Il Mastro di Campo e i Garibaldini salgono furtivamente per la solita scala e, approfittando dell’attimo di confusione, circondano la Corte e incatenano il Re. Il Mastro di Campo, tolta la maschera, finalmente abbraccia la Regina. Si forma quindi un corteo che sfilerà per le vie principali del paese. Il Mastro di Campo porge il braccio alla Regina mentre il Re sfila in catene.
Cardella, Antonio. 2002. Santi riti e leggende del popolo siciliano. Palermo: Sigma 
 
Croce, Marcella. 2004. Le stagioni del sacro. Almanacco delle feste popolari in Sicilia. Palermo: Flaccovio
Laura Mattaliano
Sicilia in festa [ultima consultazione 27-04-2016]