Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. 

Registro Eredità Immateriali

114
Pani Pulitu della Cena di San Giuseppe
REI - Libro delle celebrazioni
19-05-2008
Pane votivo
Ragusa
Santa Croce Camerina
Pani Pulitu ri San Giuseppi
La preparazione del Pani Pulitu è legata alla tradizione delle Cene di San Giuseppe risalente al 1832, quando il Barone Guglielmo Vitale, dopo la sua morte, lasciò alla Chiesa Madre la rendita di tre vignali per solennizzare la festa del Santo, protettore del comune. In tale occasione vennero per la prima volta imbandite delle grandi tavolate dai fedeli.
Annuale
19 Marzo
Festa di S. Giuseppe
Devozionale/Patronale
Devoti al Santo, principalmente donne, che hanno sciolto un voto o ricevuto una grazia.
Il Pani Pulitu di San Giuseppe rappresenta l'elemento principale delle Cene di San Giuseppe; esso è un pane rituale, preparato con farina di grano duro, cotto in casa nei forni di mattoni, caratterizzato da diverse e particolari forme simboliche, e proprio per questo lavorato e decorato da mani abili ed esperte.
Questi pani vanno ad adornare l'altare che si prepara tra la sera del 17 e la giornata del 18 nelle case dei devoti che hanno sciolto un voto o ricevuto una grazia da San Giuseppe. Le forme rituali tradizionali sono: a varva, la barba di San Giuseppe che rappresenta il volto del Santo, u vastuni (il bastone) fiorito che richiama alla regalità del Santo, le sue iniziali S e G, la Sacra Famiglia, a spera (la sfera) ovvero l'ostensorio, un cagnolino, un galletto, delle pere, un grappolo d'uva.
Il Pani Pulitu viene consumato insieme al resto del cibo il 19 dopo l'arrivo dei “Santi”, Gesù, San Giuseppe e Maria, impersonati da 3 poveri, scelti dalla famiglia che ha preparato la Cena in onore del Santo tra le persone più bisognose del paese.
 
Giallombardo, Fatima. Festa di S. Giuseppe in Sicilia, vol. 1. Archivio delle tradizioni popolari siciliane, 5. Palermo: Folkstudio, 1981.
 
Giallombardo, Fatima. 2003. La tavolata l'altare la strada. Scenari del cibo in Sicilia. Palermo: Sellerio Editore.
 
Pitrè, Giuseppe. Feste patronali in Sicilia. Biblioteca delle Tradizioni Popolari Siciliane, 11. Sala Bolognese: Forni Editore, 1979.
 
Pitrè, Giuseppe. Spettacoli e feste popolari siciliane. Biblioteca delle Tradizioni Popolari Siciliane, 12. Bologna: Forni Editore, 1980.
 
Uccello, Antonino. 1976. Pani e dolci di Sicilia. Palermo: Sellerio.
Maria Rosaria Paterno'
Comune di Santa Croce Camerina [ultima consultazione 27-04-2016]