Questo sito utilizza servizi di statistiche esterni alla struttura. I servizi di statistiche utilizzano cookie per elaborare i propri dati. L'utente può disattivare i cookie modificando le impostazioni del browser.
Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca su Informativa estesa. Continuando ad utilizzare il nostro sito acconsenti all’utilizzo dei cookie. 

Registro Eredità Immateriali

99
Rappresentazione del Venerdì Santo
REI - Libro delle celebrazioni
16-10-2007
Rappresentazione/Spettacolo
Ragusa
Vittoria
Scesa della croce o "I parti ro Signuri"
Fonti storiche attestano che la sacra rappresentazione fosse in uso, nella città del ragusano già nella seconda metà del Seicento. La "Scesa della Croce" fu poi modificata, verso la metà del XIX secolo, ne "Il dramma sacro del Venerdì santo" a opera del conterraneo e marchese Alfonso Ricca.
Annuale
Venerdì Santo
Morte del Cristo Salvatore
Storica, commemorativa., Commemorativa, devozionale
La congregazione del SS. Crocifisso e le confraternite cittadine
Comunità locale, turisti
Il fervore dei fedeli caratterizza lo stato d'animo dei partecipanti ai riti del Venerdì Santo di Vittoria.
La mattina, per le vie della cittadina ragusana, si svolge la processione del Cristo morto insieme al simulacro di S. Maria Addolorata, organizzata dalla congregazione del SS. Crocifisso dal 1657, tramandandola e mantenendola complessivamente inalterata nei tempi. Questo primo momento devozionale viene a concludersi con la rappresentazione della "scesa della croce", nota alla popolazione locale come "I parti ro Signuri".
Scenografia della sacra scena è il tempietto a otto colonne e di forma circolare detto "Calvario", decorato con maioliche raffiguranti le scene della passione e morte di Cristo, nel quale avevano accompagnato il simulacro del Cristo morto portato in processione la mattina.
Il dramma della passione, recitato in dialetto popolare, venne ad arricchire la processione storica dal 1669. Gli attori, vestiti in abiti d'epoca, recitano i 450 versi endecasillabi sciolti che compongono lo scritto "Il dramma sacro del Venerdì Santo" del marchese Alfonso Ricca, ancora oggi in uso.
Molti studiosi ritengono che il Ricca, nella scrittura del suo dramma sacro, si sia ispirato alla rappresentazione de "Il riscatto di Adamo nella morte di Gesù" di Filippo Orioles, nota come "Mortorio di Cristo", largamente diffusa in Sicilia già dal 1750. Dal 1954 sono chiamati attori professionisti, mentre una voce fuori campo presta la sua al simulacro del Cristo crocifisso.
Bernardi, Claudio. 1991. La drammaturgia della settimana santa in Italia. Milano: Vita e pensiero.
Francesca Maria Riccobene
Vittoria. Una storia contadina - II p. - Andato in onda 7/71981. Archivio Rai Regione Sicilia. (da 06:10 a 13:08)
 
Vittoria "Pulchra Civitas" [ultima consultazione il 27-04-2016]
 
Comune di Vittoria [ultima consultazione il 27-04-2016]